Neele-Vat

Neele-Vat è un fornitore di servizi logistici completi, con 600 dipendenti e un fatturato di 250 milioni nel 2015. L'azienda offre ai suoi clienti un pacchetto di servizi a tutto tondo, dai trasporti via aerea e via mare, all'immagazzinamento e alla distribuzione fisica. Neele-Vat ha uffici e magazzini in Cina, Russia, Italia, Finlandia e Polonia, ma l'area del porto di Rotterdam funge da centro per la spedizione delle merci via nave. Dai magazzini attorno a Rotterdam e sulla Maasvlakte centinaia di container vengono imbarcati ogni settimana. Dal 1° luglio 2016 di quest'anno, tutti questi container devono essere pesati in conformità con le modifiche delle normative SOLAS.  

Le recenti modifiche SOLAS impongono agli spedizionieri di dichiarare il peso lordo di ciascun container alla compagnia di navigazione prima che il container venga caricato a bordo. Le informazioni sul peso vengono utilizzate per creare piani di stivaggio per le grandissime navi portacontainer. Sono ufficialmente consentiti due metodi per la determinazione della VGM (Verified Gross Mass) dei container: la pesatura dell'intero container pronto per l'invio (Metodo n. 1) o la pesatura dei singoli articoli contenuti al suo interno e il calcolo del peso lordo totale (Metodo n. 2).

Parliamo delle nuove normative SOLAS con René Bongers (Director) e Dennis Kruit (Warehouse Manager). Essi ci spiegano perché hanno scelto il Metodo SOLAS n. 2.

Alla Neele-Vat, il primo a confrontarsi con gli aspetti pratici delle norme di pesatura SOLAS è stato il direttore di magazzino Dennis Kruit. Alla mia domanda sul perché il settore della logistica stia reagendo così tardi, visto che manca soltanto un mese all'entrata in vigore del 1° luglio 2016, risponde così: “Abbiamo appena avuto un'altra riunione con le Autorità portuali e le regole cominciano a divenire chiare soltanto adesso, a un mese dall'implementazione”.

René Bongers interviene. “Il metodo che cercavamo doveva essere veloce e preciso al tempo stesso. Noi lavoriamo con clienti rinomati che non vogliono né sotterfugi né complicazioni. In certi paesi se il peso è errato il container viene sigillato. Quindi la scelta del processo è fondamentale.” Dennis Kruit concorda: “Bisogna evitare gli errori a tutti i costi. Per riportare indietro un container dal terminale ci vogliono quattro giorni. Ci sono delle movimentazioni addizionali, bisogna espletare le formalità doganali, far cancellare il numero di riferimento, e tutti questi sono costi aggiuntivi.” Neele-Vat ha scelto il Metodo SOLAS n. 2, ossia di pesare le singole spedizioni LCL sui propri carrelli elevatori.

“Quello che dicono ora è 'No VGM = No Load': se il peso non è noto il container non viene imbarcato. Noi dobbiamo dichiarare il peso al terminal e al vettore e possiamo farlo fino al giorno prima della partenza. È consentita una tolleranza del 5%. Se il VGM è errato prendiamo una multa”.

Per darci un'idea dell'aspetto che avrà la logistica interna con il Metodo SOLAS n. 2 alla Neele-Vat, Dennis Kruit ci porta al magazzino sull'altro lato della Marco Polostraat. La facciata del magazzino consta di interminabili file di banchine di carico numerate con i container in posizione. Gli immacolati autocarri da trasporto bianchi e blu vanno e vengono. Con i nostri giubbetti di sicurezza, del colore previsto per i visitatori, veniamo ammessi nell'edificio. Qui i carrelli elevatori caricano le merci pallettizzate nei container con un ritmo frenetico. Di tanto in tanto si fermano per ricevere nuove istruzioni sui loro PDA di bordo.

Dennis spiega che i suoi carrelli elevatori saranno equipaggiati con iForks RAVAS per pesare tutte le spedizioni LCL in arrivo durante lo scaricamento dall'autocarro di trasporto, senza perdite di tempo. Il peso delle singole spedizioni viene quindi immesso nel sistema di gestione del magazzino. Quando poi si compilano le liste di carico dei container, il sistema di gestione non fa che sommare i pesi dei singoli magazzini e aggiungervi il peso del container come tara. Così il peso lordo è noto prima ancora che alcun pallet sia stato caricato sul container. “Noi siamo certificati ISO e AEO, quindi il Metodo n. 2 sarà integrato nel nostro sistema di garanzia di qualità esistente”, aggiunge Dennis.

Per le aziende che consolidano le spedizioni LCL nei container, l'uso del Metodo n. 2 assicura importanti vantaggi aggiuntivi. La pesatura delle singole spedizioni del container fornisce informazioni aggiuntive e più dettagliate e crea opportunità di miglioramento dei processi. Ciò a sua volta porta a un incremento del ritorno sui investimenti SOLAS.

René Bongers ci spiega che SOLAS non impone soltanto degli obblighi, ma crea anche opportunità: “Noi vediamo il SOLAS come un'occasione di business. Saremo all'avanguardia e lavoreremo con precisione ancora maggiore. I nostri clienti apprezzano tutto questo. Collegheremo tutte le informazioni direttamente con il nostro software di gestione. Oggi molto viene ancora fatto manualmente con dispendio di denaro e manodopera. Potremmo così offrire più valore. Speriamo che anche questo ci aiuti a fare la differenza sul mercato.”

Neele-Vat è pronto per il SOLAS.

Iscriviti ora!

Iscriviti ora a tutte le notizie RAVAS.

Charlotte Maassen